I prodotti


Introduzione

I prodotti, ideati o riproposti dalla nostra associazione con l’intento di contribuire alla crescita dell’artigianato e dell’enogastronomia di qualità, istituiscono un diretto rapporto con il territorio e si collegano al tradizionale “saper fare” biellese.
È questo il caso dello Spenser, un capo spalla in maglieria prodotto a Pettinengo tra Otto e Novecento dal maglificio Bellia, che, attualizzato dallo Studio Glocal Design, è in attesa di essere prodotto e posto in vendita. Anche la Camisa ’d campiun, un tempo confezionata nelle case dei tessitori recuperando le pezze di prova tessute appunto per produrre il campionario dei lanifici, è stata oggi riproposta in collaborazione con l’associazione Storie di Piazza e con il CNA ed ha già ottenuto favorevoli riscontri.
Nel settore gastronomico, accanto al rilancio di produzioni da tempo abbandonate, come l’olio di noce e il “nosuggio”, sono stati ideati nuovi prodotti basati sulla cultura e sulle specificità del territorio: le “Navette di Biella”, biscotto che richiama nella forma lo strumento principale della tessitura, ed il “Pan d’arbo”. Entrambi i dolci hanno come ingrediente principale la farina di castagne, alimento alla base della cucina montana e contadina. Questi prodotti vengono proposti al pubblico, in sinergia con il sistema ecomuseale, in occasione di “Artigiani in fabbrica” e “Sapori di primavera”, specifiche manifestazioni organizzate alla “Fabbrica della ruota”, ma vengono anche “esportati” e promossi partecipando ad alcuni dei più rilevanti appuntamenti del settore enogastronomico, come ad esempio il “Salone del Gusto” di Torino.