Franco Bogge

il fotografo di Oropa

Santuario di Oropa, Sale della Dottrina
dal 29 giugno al 13 luglio 2008
inaugurazione sabato 28 giugno ore 17
apertura: 10/12.30 - 14.30/17.30

mostra organizzata da: DocBi-Centro Studi Biellesi - Ecomuseo Valle Elvo e Serra - Santuario di Oropa; con il sostegno di: Regione Piemonte - Fondazione Cassa di Risparmio di Biella; con il patrocinio del Touring Club Italiano e dell'Ecomuseo del Biellese

Catalogo a cura di eGian Paolo Chiorino e Danilo Craveia


Chi era Franco BOGGE

Franco Bogge (San Remo 1875 - Occhieppo Sup. 1956), dilettante e poi professionista della fotografia, alpinista e divulgatore del territorio Biellese. Lasciata la riviera ligure dopo il matrimonio con l'occhieppese Margherita Mossa intorno al 1900, in mezzo secolo di attività ha documentato e contribuito in modo importante a far conoscere la sua terra di adozione, le montagne, i luoghi del culto, la città e le industrie. Formatosi all'estetica del paesaggio e della veduta alpestre alla "scuola di Biella" di Vittorio Sella e di Vittorio Gallo, dagli anni '10 all'ultima guerra è stato uno dei maggiori illustratori locali. Avviato nel 1922 il negozio-studio di Biella, lavorava anche nella sua casa di Occhieppo dove si ritirò infine per trascorrere la sua lunga e solitaria vecchiaia. Poco o nulla e' rimasto del suo grande archivio di immagini, ma in tutte le collezioni fotografiche del Biellese si ritrovano le belle stampe del "Boggi". Salvato da un oblio immeritato da Gian Paolo Chiorino, Franco Bogge è stato, soprattutto, il "fotografo di Oropa".


La MOSTRA

L'immagine composita del misticismo e del bello di Oropa che i Biellesi, e non solo loro, hanno nell'anima è in buona parte opera di Franco Bogge. Dal 1907, forse prima, agli anni '30, il "Boggi" è stato indiscutibilmente il "fotografo di Oropa". Il Santuario della Madonna Nera (fin nei più minuti dettagli), le cime della conca e la sua gente sono stati il nucleo della produzione fotografica e divulgativa di Franco Bogge. Ha ritratto, per primo, la Statua a colori nel 1910, ha raccontato la tramvia nei primi vent'anni d'attività, ha documentato il cantiere della Chiesa Nuova fino al 1920, ha tramandato il Sacello che cambiava aspetto e i suoi preziosi affreschi mentre emergevano dallo scialbo. E ha scelto il Santuario come luogo della sua professione tentando, senza fortuna, di avviarvi un negozio di articoli fotografici nel 1930. Per gli ultimi veri pellegrini e per i primi veri turisti, Franco Bogge ha (letteralmente) tradotto in centinaia di cartoline il mistero e la bellezza di Oropa. La mostra a lui dedicata, una raccolta di "vecchie foto" e di splendide immagini, è la storia fotografica del suo amore per il cuore antico e sacro del Biellese. Il piccolo evento è nato dal lavoro congiunto del DocBi - Centro Studi Biellesi, dell'Ecomuseo della Valle Elvo e Serra e del Santuario di Oropa, patrocinato dal Touring Club Italiano ed è reso possibile dalla disponibilità di generosi e attenti "enti conservatori" di fotografie come la Fondazione Sella e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Biella.







Aderisci al DocBi. Sosterrai concretamente la nostra azione di tutela e valorizzazione del territorio biellese



Il 5 per mille al DocBi. La tua firma (che non costa nulla) a vantaggio del territorio, per ripartire attraverso la cultura

P. IVA 01483110027


Iscriviti alla nostra MAILING LIST