La fabbrica e la sua voce

trame sonore dell'industria biellese

installazioni di Luca Bergero e Luca Sigurtą - fotografie di Manuele Cecconello

Pray Biellese, "Fabbrica della ruota" dal 6 maggio al 3 giugno 2007
apertura: domenica ore 15/18.30 gli altri giorni su appuntamento per gruppi e scolaresche (0157388393)

Luca Bergero e Luca Sigurtą si aggirano per settimane negli stanzoni dell'ex Lanificio Zignone con strumenti elettronici che possono usare solo in presenza del silenzio. Sistemano il notebook, collegano schede audio e microfoni, tendono cavi qua e lą, spostano oggetti e mettono in funzione ingranaggi, leve, ruotismi di telai, filatoi, carde. Infine vi accostano i sensibilissimi ricevitori sonori e traggono dalle macchine dismesse della vocazione industriale biellese la loro voce antica, e non solo. Essi isolano, elevano, sostanziano, identificano e scompongono la messe di suoni che un secolo di industria tessile ha memorizzato nelle nervature della ghisa delle macchine e nella tensione di molle, passanti, fermi e manovelle. Il mistero della telodinamica - il trasporto a distanza dell'energia prima della corrente elettrica, caso unico in Italia per integritą quello di Pray - si dipana dentro ai microfoni dei due "field recorder" come finalmente liberato del suo carico sonoro innato, armonia d'acqua e di salti di altezza che produce il movimento ruvido degli alberi di trasmissione, l'attrito pertinace delle pulegge, delle cinghie di cuoio.

La muscolatura della "Fabbrica della ruota" ritorna a muoversi oggi producendo un senso catturato dagli apparati elettronici e interpretato dai due Luca sotto una nuova forma. A partire dallo scrosciare dell'acqua del torrente Ponzone - quel torrente, in quella precisa parte di Valsessera, passando dalle frizioni metalliche dei macchinari - quei macchinari, azionati in quel modo, dentro a quei locali originari, per giungere agli infiniti fruscii di quelle stoffe cardate in pura lana, approdo finale del lavoro di centinaia di operai e dei clangori - a volte assordanti, battenti, percussivi, altre volte pił astratti, informi, ottusi - delle batterie dei telai. Dunque, il silenzio ritagliato attorno ai suoni della fabbrica da Bergero e Sigurtą dą una nuova dimensione alla memoria del lavoro. Nel tempio freddo del lanificio, un vibrare di onde fantasma, di risonanze intrecciate e ricomposte, di flebili ronzii e spaventosi impatti isolati, si fondono in un corpo di metallica, lancinante surrealtą, e il caos sovrano dei reparti tessili - esiziale per l'udito di generazioni di operai - si fa canto elegiaco, dignitoso e non nostalgico, di un'epoca in cui la durezza del pane quotidiano faceva anelare al pił sacro dei silenzi.

Acquista il CD







Aderisci al DocBi. Sosterrai concretamente la nostra azione di tutela e valorizzazione del territorio biellese



Il 5 per mille al DocBi. La tua firma (che non costa nulla) a vantaggio del territorio, per ripartire attraverso la cultura

P. IVA 01483110027


Iscriviti alla nostra MAILING LIST