Progetto Alta Valsessera


Il Mesolitico

Il progetto “Survey Alta Valsessera”, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte, promosso e realizzato dall’Associazione culturale “3P - Progetto Preistoria Piemonte” in collaborazione con il DocBi, nasce nel 2012 con l’obiettivo di portare nuovi contributi alla comprensione delle modalità e delle dinamiche del popolamento mesolitico delle Alpi occidentali. Si è scelto di avviare lo studio del popolamento mesolitico piemontese a partire dall’Alta Valsessera poiché essa è l’unica area d’alta quota delle Alpi piemontesi che, grazie al Progetto Alta Valsessera, è stata oggetto di approfonditi studi multidisciplinari.
Le prospezioni, i cui esiti sono stati pubblicati nel numero di ottobre 2014 di “Rivista Biellese”, hanno evidenziato tracce di frequentazione preistorica del territorio. I reperti rinvenuti, benché i contesti di ritrovamento e le dimensioni di alcuni di essi facciano ritenere possibile una loro attribuzione a frequentazioni mesolitiche, non presentano elementi diagnostici al fine di una più precisa collocazione cronologica.
È stata inoltre identificata una frequentazione di età tardo antica/alto medievale attestata dal ritrovamento di numerosi frammenti ceramici. Dal punto di vista tipologico la ceramica ha una datazione che va dal IV al VI secolo d.C. e rappresenta, da una parte, la più antica testimonianza di frequentazioni umane di età storica della Valsessera, dall’altra, l’attestazione tardo antica o alto medievale alla quota più elevata nota in territorio piemontese e lombardo al di fuori dei passi alpini.

<b>Frammenti ceramici di IV-VI secolo d.C. rinvenuti durante la campagna 2014.</b><br />

Frammenti ceramici di IV-VI secolo d.C. rinvenuti durante la campagna 2014.