L'itinerario etnografico Cerale - Bocchetto Sessera


I faggi

Il faggio (Fagus sylvatica) era una delle essenze più pregiate dei nostri boschi in quanto veniva sfruttata per molteplici usi. Da una relazione del secolo scorso apprendiamo che i boscaioli di Camandona utilizzavano il legname di faggio per fabbricare culle, rastrelli, gioghi, mantici ed anche ordigni per filatoi da lana e da seta, attrezzi ed utensili vari: impugnature di zappe, picconi, badili, pale e persino "cavastracci da artiglieria". Il faggio d'alto fusto era sovente presente nei pascoli, al fine di ombreggiare gli armenti. È una delle essenze più adatte per essere trasformata in carbone ed è molto apprezzata come legna da ardere.